BaciDiDama Copertina

Un po’ di dolcezza… scopriamo i Baci di Dama!

I dolci in Piemonte hanno tutti una cosa in comune: le leggende legate ai Savoia. I Baci di Dama non sono da meno, ma la leggenda è solo quello, è la realtà è lievemente diversa…

Un dolce bacio alla nocciola

La leggenda vuole che, in una soleggiata giornata del 1852, Re Vittorio Emanuele II abbia chiesto ai cuochi di corte di proporgli un nuovo dolce. Loro proposero questa particolare coppia di biscotti alla nocciola, uniti da un sottile strato di cioccolato. Piacque così tanto al sovrano che lui stesso lo fede conoscere in tutta Europa. Ma, la storia ci racconta una storia diversa…

I Baci di Dama nascono infatti a Tortona, in provincia di Alessandria. Il nome sembra derivare proprio dall’unione dei due biscotti che, grazie al cioccolato fondente, sembrano baciarsi. Ma potrebbe anche derivare dalla forma che acquisiscono i due biscotti uniti, che ricordano le labbra di una giovane fanciulla intenta a dare un bacio. Una dama, per l’appunto!

BaciDiDama Biscottipiemontesi

La ricetta classica vuole le nocciole nell’impasto, è solo verso la fine del ‘800 che esse vennero sostituite con le mandorle, dando così vita ai Baci Dorati. Essi furono creati dal cavaliere Stefano Vercesi. Ancora oggi è possibile acquistare questi particolari baci nella Pasticceria Vercesi di Tortona.

Esistono quindi due Baci di Dama differenti: quelli delle Langhe ed i più classici, prodotti con le nocciole, e quelli di Tortona, prodotti con le mandorle. Entrambi sono un simbolo dolcissimo del Piemonte!

Dal 1800 con amore!

I Baci di Dama hanno fatto un lungo viaggio per arrivare fino a noi, oggi, negli anni 2000. La ricetta è rimasta pressoché invariata ed è stata tramandata di famiglia in famiglia, di pasticcere in pasticcere. Questi piccoli biscotti fanno oggi parte della cultura Piemontese e di quella dell’intera Italia, tanto che ne esiste una variante…

BaciDiDama BacidiAlassio

Si tratta dei Baci di Alassio. I liguri amarono così tanto il biscotto piemontese che lo modificarono a loro piacimento, aggiungendo cioccolato e miele. Il risultato infatti è molto diverso da quello dei Baci di Dama classici, tanto che sembra impossibile che siano parenti! Se il Bacio di Dama è “croccante”, il Bacio di Alassio è più morbido e con un gusto completamente diverso!

I Baci di Dama: i Re della pasticceria secca

Il Piemonte è ricco di biscotti particolari e ricchi di sapore, ma forse i Baci di Dama sono non solo i più conosciuti, ma anche i più amati… come si fa a dire di no a quei piccoli biscotti così invitanti?!?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *