TèValdese Copertina

Il viaggio del Tè Valdese: dall’Inghilterra alle Valli del Pinerolese

Ogni cultura, per quanto sia ben radicata in un territorio, è l’unione di tante culture diverse. Grandi ricette che si creano grazie a piccoli ingredienti da tutto il mondo. La Cultura Valdese non è da meno. Oggi scopriamo la storia del Tè Valdese.

Un’influenza tutta al femminile

Fin dai tempi più antichi, le giovani ragazze valdesi, figlie di pastori e di professori, si recavano dalle famiglie inglesi per occuparsi della casa e dei figli. Erano acculturate, conoscevano il francese (lingua particolarmente “nobile” all’epoca) ed erano educate. Erano delle ragazze perfette per educare i figli degli aristocratici inglesi. Ed è qui che le giovani Valdesi iniziano ad apprendere la cultura inglese.

É intorno al 1700 che, nelle famiglie reali ed aristocratiche le figlie valdesi iniziarono ad apprendere l’usanza del bere il tè “rigorosamente alle 17.00”! Ed è proprio a questa usanza inglese che si lega a filo diretto quella della merenda pomeridiana nelle Valli Valdesi, dove essa è accompagnata da una tazza di tè nero.

Ma qui, il Tè prese una strada un po’ differente. Se in tutta Europa, infatti, il Tè era inizialmente bevuto solamente dagli aristocratici e dall’alta borghesia, nelle Valli Valdesi il Tè si diffonde come bevanda del popolo. Cambiò solamente l’orario! Infatti, nelle Valli Valdesi la pausa iniziava alle 16.00, probabilmente per un semplice problema di fuso orario. In questo particolare momento, tutti i lavoratori si fermavano, così da spezzare le ore di lavoro.

TèValdese Serviziodeltè

Il Tè Valdese veniva preparato molto forte, grazie al tè in foglia, e poi veniva filtrato attraverso un colino, così da eliminare le foglie. Infine, veniva corretto con un poco di vino rosso, tipico delle Valli del Pinerolese o veniva addolcito con un po’ di zucchero ed un po’ di latte appena munto, spesso ancora tiepido! Tuttavia, la merenda valdese non finisce qui. Insieme al Tè Valdese venivano servite fette di pane con burro e confettura, spesso di sambuco o di mirtilli, oppure con gelée tipicamente inglesi, a base di mele cotogne o rosa canina. A volte, bastava una passata di burro ed un po’ di zucchero! Oppure si sceglieva una merenda più salata, grazie alla pasta di acciughe. Se l’occasione era importante, non mancavano torte di mele e biscotti all’uvetta, così come la panna fresca lievemente sbattuta servita con mirtilli appena raccolti!

Il Tè Valdese, un importante momento di condivisione

Il té, in Inghilterra, così come in Giappone, era un momento di riflessione e di condivisione. Non poteva essere diverso nelle Valli Valdesi. Infatti, fra le donne, si usava riempire un piccolo astuccio con versetti della Bibbia. A turno veniva estratto un cartoncino e veniva letto ad alta voce, così da dare luogo ad un momento di meditazione prima del Tè.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scroll to top