MerendaSinoira-copertina

La Merenda Sinoira: l’aperitivo dei Piemontesi

La Merenda Sinoira ha origini antiche, ed è a tutti gli effetti la nonna di quello che oggi viene definito Aperitivo e dell’Apericena. Anzi, inizialmente era una vera e propria cena, ma effettuata prima del solito orario, poiché dopo era necessario tornare a lavorare. Scopriamone le origini!

La cena dei vendemmiatori

La Merenda Sinoira nasce in un tempo indefinito, non ci sono documenti che permettono di collocarla in un determinato periodo storico, ma sappiamo che nasce per via della necessità dei vendemmiatori di cenare in un orario inusuale. Infatti, la Merenda Sinoira si effettuava fra le 17 e le 18, quando i lavoratori si fermavano per una pausa, prima di proseguire fino al calare della notte.

MerendaSinoira-piatto

Era un momento di vero riposo, durante il quale i vendemmiatori si rifocillavano e si rilassavano. Si mangiavano cose semplici e comode, come salami e formaggi accompagnati dal pane. Il tutto servito insieme ad un buon bicchiere di vino casalingo! Non mancavano le classiche frittate piemontesi… ma questo era solo l’inizio!

Quando la borghesia si accorse di questa usanza, decise di renderla in parte sua, adattandola al suo stile di vita! La Merenda Sinoira divenne così un vero e proprio buffet, da consumare in piedi, in compagnia di amici e di buon vino! Iniziarono ad aumentare le preparazioni proposte, fra cui troviamo: le acciughe al verde ed al rosso, l’insalata russa e la capricciosa, le verdure e la carne in carpione e così via…

MerendaSinoira-taglieri

La Merenda Sinoira si è lentamente trasformato in quello che tutti noi oggi chiamiamo Aperitivo!

La Merenda Sinoira al Rifugio Vaccera!

Immersi nella natura del Piemonte, noi del Rifugio Vaccera non possiamo che amare questa bellissima usanza piemontese!

MerendaSinoira-RifugioVaccera

Ecco perché l’abbiamo resa parte della nostra estate! Potete venire a scoprire questa usanza contadina ogni sera dalle 18, per tutto il periodo estivo! È necessaria la prenotazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *